Giocattoli, un mercato in salute: +9% nel 2021

Altro che gioco: il 2021 segna una ripresa decisa del settore e chiude con un +9% rispetto al 2020 e un +2,1% sul 2019. Stiamo parlando del mercato italiano del giocattolo, un comparto decisamente in salute e che conferma come non mai che in questo periodo l’atto del giocare sia fondamentale ed essenziale. I dati sono stati resi noti da Assogiocattoli, che ha anche attivato la campagna ‘Gioco per Sempre’ con lo scopo di sensibilizzare ancor di più le famiglie italiane sull’importanza del gioco dal punto di vista pedagogico, sociale e culturale.

Non solo legati alla stagionalità

Un altro obiettivo della campagna è anche quello di slegare il giocattolo dalla stagionalità, ossia come dono solo per l ricorrenze. Resta il fatto che oggi la metà del giro d’affari del settore giocattolo si concentra nel periodo di Natale. Secondo i dati forniti dalla società di ricerche Npd, l’ultimo trimestre (ottobre\dicembre ‘21) registra un notevole +6,7% rispetto al precedente. I giochi in scatola e le costruzioni continuano a essere tra i prodotti più venduti, confermando il ritorno al gioco dei più grandi – i cosiddetti kidult – grazie a modalità di gioco in grado di intrattenere e divertire tutti eliminando ogni gap generazionale. Anche le bambole sono in cima alle classifiche di vendita, seguite dai prodotti collezionabili (Trading Card Game in primis), dai peluche, dai veicoli a ruote, dai supereroi e dai dinosauri. Il fatturato derivante dai prodotti a licenza rappresenta il 26% del totale mercato e cresce del +14%. Le top 5 licenze del 2021 sono state Harry Potter, Me Contro Te, Disney Frozen, Super Mario e Bing.

Il primo manifesto corale

Numeri che fanno ben sperare per il futuro e che confermano l’ottimo lavoro svolto – nonostante le numerose difficoltà – dagli addetti di tutta la filiera. Assogiocattoli compresa che, con la campagna “Gioco per Sempre”, si è impegnata a diffondere la cultura del gioco coinvolgendo oltre 3mila persone nella creazione del primo Manifesto partecipato e corale: un inno al gioco e ai giocattoli, una filastrocca in rima scritta grazie al contributo di bambini di ogni età, ma anche di mamme e papà, nonni e zii, oltre a educatori, ludologi e psicologi. Ma non solo, la Giornata Internazionale per i Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza (20 novembre) è stata festeggiata con i Play Days e ben due iniziative speciali: uno speciale concorso che ha attivato più di 220 punti vendita in tutta Italia devolvendo in beneficenza parte del montepremi e u na donazione di giochi e giocattoli forniti dagli associati alla Fondazione Abio Italia Onlus che li ha distribuiti negli oltre 200 reparti di pediatria presenti su tutto il territorio italiano.

Commenti disabilitati su Giocattoli, un mercato in salute: +9% nel 2021

Archiviato in Varie

I commenti sono chiusi.